Pubblicato il

Come riconoscere bagnoschiuma e detergenti con un buon INCI

detergenti-con-buon-inci

Qui abbiamo parlato degli shampoo e di come sceglierli. Ora è la volta dei bagnoschiuma e dei detergenti.

Bagnoschiuma e detergenti, infatti, sono tra i prodotti che utilizziamo più comunemente per prenderci cura della nostra igiene, sia intima che non. Tuttavia non sempre i prodotti che utilizziamo sono i migliori sul mercato. Per scoprirlo, come abbiamo ripetuto numerose volte, è necessario leggere l’etichetta INCI riportata sul prodotto.

Vediamo ora nel dettaglio quali diciture ricercare nei bagnoschiuma e nei detergenti per assicurarsi che essi abbiano un buon INCI.

In passato abbiamo già sfatato il famoso mito che un bagnoschiuma che produce molta schiuma lavi meglio di uno che ne produce poca. La schiuma, lo ricordiamo, non è indice né di maggior capacità lavante e dunque potenzialmente aggressività, né di minor capacità lavante. Irritazioni, arrossamenti e secchezze, possono essere causate da un cattivo bilanciamento dei tensioattivi che compongono il prodotto, non dalla schiuma di per sé.

Un esempio di tensioattivi aggressivi possono essere i solfati, elementi sgrassanti utilizzati appositamente per il lavaggio, che però risultano particolarmente aggressivi in quanto asportano anche i grassi posti a protezione della pelle, rendendola così maggiormente esposta agli elementi chimici e favorendone irritazioni ed allergie.

Un’altra sostanza da evitare è il Propylene Glycol. Esso possiede una natura di origine petrolifera e, come se non bastasse, è utilizzato come un comune antigelo per auto. Ora la domanda è: perché dovreste spalmarvi addosso durante la doccia un prodotto per auto? Il propylene glycol ha un’alta capacità solvente e viene per questo molto impiegato per ottenere estratti vegetali. Noi preferiamo estrazioni a freddo, in  corrente di vapore e tutti quei tipi di lavorazione delle materie prime vegetali che non ne pregiudicano le qualità né aggiungono sostanze non biodegradabili o non ecologiche al prodotto finale.

Da evitare anche la cocamide dea/tea/mea, che è stata bandita dai prodotti cosmetici  in California in quanto, secondo le loro ricerche, potenzialmente cancerogena. Da noi è ancora presente, sebbene regolamentata nell’uso, ma per principio precauzionale (ed ecologico) suggeriamo di evitarla.

Queste indicazioni valgono per tutti i detergenti, dai bagnoschiuma ai detergenti viso. Possiamo prenderci cura del nostro volto in modo naturale ed efficace.

Esistono numerosi tipi di detergenti bio, così che ve ne sia uno adatto ad ogni tipologia di pelle: grassa, secca, mista, giovane o matura che sia.

Tra gli elementi naturali più utilizzati nei detergenti biologici troviamo l’aloe vera, la rosa damascena e la menta piperita. Essi sono ricchi di principi attivi che dalle erbe vengono direttamente estratti con lo scopo di nutrire, pulire ed idratare la nostra pelle.

I prodotti a base di aloe vera hanno iniziato a diffondersi a macchia d’olio negli ultimi anni, e quasi sicuramente ognuno di voi ne possiede almeno uno o che ne ha fatto utilizzo non molto tempo fa. I benefici della pianta di aloe sono molteplici, avendo proprietà:

  • antinfiammatorie
  • lenitive
  • calmanti
  • idratanti
  • antisettiche
  • rinfrescanti  
  • antibiotiche

I detergenti naturali, in questo caso, sostituiscono i tensioattivi sintetici con quelli di origine vegetale. Uno di questi che viene spesso impiegato nei prodotti cosmetici è l’olio di cocco; una valida alternativa biologica che nell’INCI potete trovare indicata con le seguenti diciture:

  • Sodium Cocoamphoacetate
  • Sodium Cocoyl Glutamate
  • Sodium Lauryl Glucose Carboxylate
  • Coco Glucoside

 

I  nostri detergenti sono realizzati con cura, bilanciando i tensioattivi, scegliendo estratti vegetali ad hoc per ogni esigenza, e curando in modo particolare il loro impatto sulla pelle, che dev’essere pulita ma non depauperata delle sue naturali difese.

L’imperativo è: vogliatevi bene! Come disse Jim Rohn “Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere”.


Prodotti cosmetici naturali: conviene scegliere quelli economici?

Se c’è un argomento che fa molto discutere, è quello relativo al prezzo dei cosmetici. Vale di più ciò che costa di più? E poi cosa vuol dire che vale di più? Che è più efficace, ha più attivi, è più bello? Che confusione! Ci sono tanti dettagli che vanno a comporre il prezzo di … Continued

Pubblicato il Leggi l'articolo
ingredienti-naturali-capelli
Cinque motivi per prendersi cura dei capelli in modo naturale

La nostra linea di cosmesi ecobio certificata Bolle Bio è composta da numerosi prodotti, tra i quali anche una linea per capelli. Ecco quindi i 5 motivi per cui abbiamo deciso di occuparci anche dell’igiene del cuoio capelluto e dei suoi annessi.

Pubblicato il Leggi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *