Pubblicato il

Le ragioni per scegliere uno shampoo con un buon INCI

shampoo buon inci

Tutti quanti siamo a conoscenza di cosa sia uno shampoo: è un prodotto avente lo scopo di prendersi cura dei nostri capelli rimuovendo l’unto e lo sporco che si formano nel corso della giornata e che vi si depositano sopra.

Il termine shampoo, utilizzato in Inghilterra a partire dal 1762, affonda le sue radici nella cultura Anglo-indiana, che usava questo termine col significato di “fare pressione, massaggiare i muscoli, massaggio”. Molti di voi a questo punto si staranno chiedendo cosa abbia a che fare questo antico significato con il termine shampoo, ed ecco la spiegazione: un tale Sake Dean Mahomed fu il primo ad aprire un bagno pubblico dove venivano effettuati lavaggi di capelli o massaggi terapautici. Il suo servizio fu apprezzato a tal punto che egli ricevette l’onore di essere incaricato sia da Giorgio IV del Regno Unito che da Guglielmo IV. Da lì la consuetudine di lavare i capelli massaggiando bene la cute si diffuse a macchia d’olio.

Ma ora torniamo a noi e alle nostre etichette INCI.

Cosa è l’INCI e come leggerlo?

Impropriamente chiamiamo “INCI” la parte, sull’etichetta di un cosmetico, dove si riportano gli ingredienti dello stesso. In realtà, per essere più precisi, dobbiamo dire che l’INCI significa “International Nomenclature of Cosmetic Ingredients” (nomenclatura internazionale degli ingredienti cosmetici), e che il modo più corretto di esprimersi sarebbe dire che le etichette riportano l’elenco degli ingredienti, scritti secondo la nomenclatura INCI.

L’etichetta prevede che la presenza degli ingredienti scritti col linguaggio INCI sia sempre presente, in modo obbligatorio dal 1997. Se quindi trovate un prodotto in vendita che non la riporta, quel prodotto non è a norma, a meno che non sia così piccolo da non poterla contenere – ma in quel caso dev’essere disponibile in negozio per la consultazione, come avviene spesso in caso di makeup.

Come vengono indicati gli ingredienti? Un po’ come avviene per le etichette alimentari, ai primi posti troveremo gli ingredienti presenti in percentuale maggiore, che sono proprio quelli a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione. Infatti, sebbene siano ammessi dalla legge, alcuni ingredienti sono altamente sconsigliati sia per la pelle che per l’ambiente.

Attraverso l’INCI di un prodotto possiamo avere delle prime, importantissime indicazioni, per riconoscere se esso sia dermocompatibile e, allo stesso tempo, ecocompatibile. Ossia se questo, oltre che fare bene alla nostra pelle, abbia anche un impatto leggero sull’ambiente che ci circonda.

Perciò adesso occhi ben aperti e proviamo tutti a prendere il nostro shampoo e a comprenderne insieme l’INCI. Anzitutto leggiamo i primi 5-6 ingredienti, che, come abbiamo detto, sono quelli presenti in quantità maggiori all’interno del prodotto: è molto importante che essi non siano derivati del petrolio. I primi ingredienti saranno tensioattivi, cioè le sostanze lavanti, che è preferibile non siano etossilati, come ad esempio il sodium laureth sulfate. Si possono poi trovare allergizzanti come Triclosan, Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone.

Perché scegliere uno shampoo con un buon INCI?

Certamente acquisire una certa padronanza della nomenclatura INCI può essere difficoltoso, ma è per un motivo molto valido, cioè evitare il più possibile ingredienti inquinanti, e allo stesso tempo anche quelli fortemente aggressivi per il nostro cuoio capelluto, come ad esempio il Sodium Laureth Sulfate.

I tensioattivi, se non ben miscelati, possono appunto aggredire la cute e causare prurito, desquamazioni e conseguente forfora.

A questo si aggiunge l’effetto irritante e allergizzante di altre sostanze, come abbiamo scritto.

Ecco perché ogni nostro shampoo è studiato per essere delicato, contenente tensioattivi di derivazione vegetale miscelati in modo da ottenere efficacia lavante pari a delicatezza, con estratti funzionali da piante anche questi ben dosati per evitare allergie, è importante per la bellezza dei nostri capelli e per il rispetto del nostro pianeta.


Capelli secchi e sfibrati: i rimedi naturali per curarli

Capelli secchi e sfibrati sono il cruccio di molte di noi. Quando il capello si sfibra, vuol dire che ha perso la sua naturale elasticità, che le squame di cheratina di cui è composto si sono alzate rendendolo crespo, stopposo e con presenza delle tanto odiate doppie punte. Tutte vorremmo un rimedio rapido a questa … Continued

Pubblicato il Leggi l'articolo
Prodotti cosmetici naturali: conviene scegliere quelli economici?

Se c’è un argomento che fa molto discutere, è quello relativo al prezzo dei cosmetici. Vale di più ciò che costa di più? E poi cosa vuol dire che vale di più? Che è più efficace, ha più attivi, è più bello? Che confusione! Ci sono tanti dettagli che vanno a comporre il prezzo di … Continued

Pubblicato il Leggi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *